ACAV e World Food Programme insieme per sostenere i contadini Ugandesi

Il premio Nobel per la pace quest’anno è andato al Programma Alimentare Mondiale (PAM) o in inglese World Food Programme (WFP), l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistenza alimentare fondata nel 1961 a Roma.

La pace e l’azzeramento della fame vanno di pari passo. Questa la motivazione dell’assegnazione del premio: per «i suoi sforzi nel combattere la fame, per i suoi contributi nel migliorare le condizioni della pace in aree di conflitto e per la sua azione nel prevenire l’uso della fame come arma per promuovere guerre e conflitti”.

ACAV lavora insieme al WFP nell’Uganda del Nord, con un nuovo progetto che ha come obiettivo quello di aiutare 1000 contadini, ugandesi e rifugiati, a migliorare la gestione dei prodotti agricoli dopo la raccolta.

Un progetto importante che forma gli agricoltori in tutte le fasi post produzione: manipolazione/stoccaggio/conservazione/imballaggio/trasporto dei prodotti agricoli per poter disporre di merce di qualità che possa spuntare buoni prezzi sul mercato e aumentare quindi le entrate dei contadini.

Gli agricoltori riceveranno oltre a una adeguata formazione, dei semplici imballaggi per la conservazione e il packaging dei prodotti, e saranno facilitati nell’accedere ai mercati locali attraverso la creazione di una rete diretta che li colleghi a potenziali compratori.

La parte nord dell’Uganda rimane la zona più povera del paese, in cui l’80% della popolazione trova sostentamento dal lavoro della terra, è una zona che accoglie migliaia di rifugiati che scappano dai conflitti del Sud Sudan e la Repubblica Democratica del Congo. Per ACAV essere partner del WFP con questo progetto è motivo di orgoglio e un piccolo passo in avanti nella lotta alla fame nel mondo.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.