Emergenza in Sud Sudan

Progetto di emergenza in ambito idrico-sanitario e della sicurezza alimentare (2014).

L’esplosione della guerra civile in Sud Sudan, nel dicembre 2013, ha costretto migliaia di persone a scappare dalle proprie città. Molti sono rifugiati, altri hanno trovato riparo presso parenti e amici entro i confini dello Stato (IDPs, internally displaced people): 40mila persone sono giunte in poco tempo nelle contee di Yei e Morobo, aumentando la pressione sulle già carenti risorse idriche e agricole del territorio.

L’intervento di ACAV, finanziato dal Ministero per gli Affari Esteri e dalla Provincia Autonoma di Trento, si è svolto nelle contee di Morobo e Yei e ha avuto l’obiettivo di migliorare l’accesso all’acqua potabile e di rafforzare le competenze agricole dei contadini della zona.

Obiettivo generale: migliorare le condizioni di vita della componente più vulnerabile della popolazione rurale delle countee di Morobo e Yei

Obiettivi specifici: migliorare le condizioni di salute della popolazione delle contee di Morobo e Yei aumentando l’accesso all’acqua potabile e Incrementando gli standard relativi alla sicurezza alimentare

Località di intervento: Contee di Morobo e Yei, Sud Sudan

Attività del progetto: perforare 10 pozzi nella contea di Morobo, riabilitare 30 pozzi nella contea di Yei, formazione di 15 tecnici e fornitura alle amministrazioni delle attrezzature per la manutenzione dei pozzi, dotazione di 1000 talee di cassava a contadini, seguiti da agronomi e animatori comunitari (qui la descrizione del progetto)

Partner: Contea di Morobo, Contea di Yei

Supportato da: Ministero Affari Esteri, Provincia Autonoma di Trento

Avanzamento del progetto: concluso (aprile 2015 – dicembre 2015)

Budget di progetto: € 184431,80 (qui il dettaglio)

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.