Giornata internazionale dei diritti della donna

La vicesindaco di Koboko

Ajonye Florence, 53 anni, è la vicesindaco del consiglio municipale di Koboko. Politica di professione, ha ricoperto vari incarichi esecutivi nel consiglio e ora è stata riconfermata come vicesindaco per un secondo mandato.

 “Da quando sono entrata in politica, sono sempre stata nel settore esecutivo. Non so perché, ma sono sempre nominata nell’esecutivo”, ha detto Ajonye. Attribuisce la fiducia che le persone ripongono in lei alla sua intelligenza emotiva e risolutezza. “La gente dice che ho la testa fredda, materna e comprensiva. Ma dicono anche che sono determinata nel prendere decisioni. E in effetti, per me, le mie decisioni sono sempre molto lucide”, ha affermato Ajonye.

Ajonye ha iniziato la sua attività nella politica nel 1998 grazie una quota di genere, che ha fornito seggi politici speciali per le donne nei consigli locali per garantire che i numeri rappresentanza femminile richiesti per legge fossero raggiunti. Ma nessuna donna era disposta a ricoprire la posizione, Ajonye compresa. “Ero molto timida all’inizio, non parlavo così tanto, la gente mi conosceva per la mia timidezza”; ha aggiunto “quindi quando mi hanno proposto il ruolo, ho detto no, non posso gestire queste cose”.

Molte persone intorno a lei insistevano affinché si candidasse, alla fine ha ceduto ed è diventata una consigliera donna per il rione di Mengo, nel consiglio municipale di Koboko. È stata immediatamente nominata vicepresidente e, quando il presidente ha avuto un problema, è dovuta intervenire per agire.

In qualità di membro della Koboko United Women’s Association (KUWA), il primo gruppo femminile di Koboko che ha portato molte donne alla leadership, Ajonye attribuisce anche la sua costante ascesa politica ai vari corsi di formazione e tutoraggio forniti dall’organizzazione. “Voglio lodare la signora Beatrice Agele, la nostra leader in KUWA, che organizzava per noi vari corsi di formazione, che vanno dalle attività di gestione del reddito e leadership, a come gestire sia la casa che il lavoro. È solita portare vari leader per condividere le loro esperienze con noi, in modo da incoraggiarci ad essere forti”.

Sfortunatamente, quando il ruolo politico di Ajonye è aumentato, la sua famiglia è andata in pezzi. Suo marito non sopportava una donna forte, che ora può parlare. “Era molto contrariato dalla mia carriera politica”, ha detto. “Si lamentava del fatto che quando una donna si unisce alla politica, vorrà sempre discutere alla pari con l’uomo, e questo non gli piaceva. Alla fine ci siamo separati”, ha spiegato Ajonye. Ha poi aggiunto che, sebbene il peso di una maternità single sia difficile da gestire, non si rammarica molto di aver mantenuto la sua posizione di voler intraprendere una carriera.

Tuttavia Ajonye continua a scontrarsi ogni giorno con diversi stereotipi anche fuori dalla vita privata; nel suo ufficio è spesso ostacolata da alcuni colleghi, che la minano solo perché è una donna. “Alcuni uomini sono gelosi del fatto che una posizione del genere sia ricoperta da una donna… ma io li ignoro e faccio il mio lavoro secondo necessità”, ha detto.

Dato il ruolo che nel tempo è riuscita a raggiungere e consolidare, Ajonye gode di molta considerazione nella comunità, il che ne fa l’esempio perfetto per essere seguito e ammirato dai più giovani. Ed è alle ragazze in particolare che si rivolge quando suggerisce di continuare con l’istruzione al fine di raggiungere il livello più alto possibile. Tuttavia non sempre è possibile, e a chiunque si fermi a metà strada non resta che cercare un’opportunità di formazione per imparare un lavoro utile al fine di mantenersi. “Se per qualche motivo non sei in grado di continuare con la scuola, almeno abbi un’abilità, che potrebbe essere l’insegnamento, l’acconciatura o la falegnameria. Come per me, prima ho fatto infermieristica”, ha spiegato Ajonye.

Affrontando il mondo con un sorriso

Oguaru Imelda, 44 anni, è l’addetta alle pulizie di ACAV. Tutti la chiamano Maria ed è famosa per il suo bel sorriso. Come si suol dire, anche le rose hanno le spine, così dietro al sorriso coraggioso di Imelda si celano delle lacrime silenziose.

Oguaru è una madre single di 3 figli: una bambina sorda e due ragazzi. Aveva solo 15 anni quando si è sposata e non perché lo volesse, ma è stata costretta a causa della sua condizione di vulnerabilità. I suoi genitori si separarono quando lei aveva circa tre anni e fu cresciuta da una sua anziana nonna. E’ stata costretta ad abbandonare la scuola durante le elementari perché la nonna riusciva a malapena a metterle un piatto in tavola. Purtroppo la sua vita sentimentale non è stata più fortunata, perché subito dopo aver avuto il terzo figlio, suo marito ha sposato un’altra donna e la vita è diventata a suo dire insopportabile. Ha pensato di suicidarsi, ma alla fine ha scelto di tornare da sua nonna, si è messa alla ricerca di un lavoro per mantenere sé stessa e i suoi figli, che nel frattempo il padre aveva preso in custodia.

Oguaru ha trovato lavoro per la prima volta come bidella in una scuola elementare. Sfortunatamente, la scuola ha chiuso e lei è diventata di nuovo disoccupata. Tuttavia, tramite la sua amica Margret Ajonye, a Oguaru è stato offerto un lavoro all’ACAV come addetta alle pulizie, ed è lì che lavora tutt’ora. “Ringrazio Dio che attraverso l’amicizia sono stata in grado di ottenere questo impiego, non so cosa avrei fatto senza”, ha detto. Sebbene abbia parenti stretti che avrebbero potuto aiutarla, Oguaru ha imparato ben presto ad affrontare il mondo con le sue sole forze. “Avevo solo mia nonna che mi sosteneva e, dopo la sua morte, sono rimasta sola. Ma grazie a Dio ho tanti amici che mi sostengono. Ad esempio, quando i miei figli adolescenti mi danno dei grattacapi, chiamo uno di loro per parlare con i ragazzi”, ha aggiunto.

Oguaru ha detto che la sua più grande sfida è dover provvedere da sola ai suoi tre figli. “Dipendono tutti e tre solo da me; poi devo pagare l’affitto, le tasse scolastiche… a volte tutto questo è troppo”. “Fortunatamente ora hanno metà borsa di studio perché uno sta andando molto bene in classe e l’altro è un calciatore”, ha detto sorridendo ampiamente. Nel frattempo, Oguaru si gode il suo posto di lavoro. “Conosco le persone, a loro piace scherzare con me, quindi quando sono sul posto di lavoro non ho stress. Mi stresso solo quando sono a casa.” Ma si è affrettata ad aggiungere: “Sto pregando Dio che finiscano la scuola, in modo che possano aiutarmi in futuro”.

Tutto ciò che Oguaru sa della festa della donna è che è un giorno da celebrare per le donne. “È il nostro giorno, devo essere felice e anche festeggiare, perché ci sono molte madri single là fuori, quindi ci incontriamo e festeggiamo”, ha affermato con sicurezza. Il suo suggerimento a tutte le ragazze è quello di non smettere di andare a scuola, perché è attraverso l’istruzione che possono diventare indipendenti in futuro. “Fate sì che queste ragazze non abbandonino la scuola, che continuino con l’istruzione in modo che possano avere i loro soldi, e quando hanno soldi, tutto viene automaticamente”, ha concluso Oguaru.

Un’incomprensione ha quasi rovinato la mia istruzione

Maliko Judith, 35 anni, lavora con ACAV come coordinatrice del progetto Africare, e ha raccontato di come un intoppo genitoriale abbia quasi rovinato la sua istruzione.

È cresciuta in una famiglia numerosa con 11 fratelli, due madri più altri parenti. Suo padre, un insegnante, si è assicurato che Judith iniziasse la scuola abbastanza presto. Suo fratello maggiore era il suo migliore amico nonché compagno di classe e stavano sempre insieme.

Tutto è andato bene, secondo lei, fino alla fine delle elementari, quando suo fratello ha ottenuto una valutazione migliore della sua nell’esame finale valido per l’iscrizione alla scuola secondaria; questo evento ha cambiato l’atteggiamento del padre nei suoi confronti. “Ha sviluppato all’improvviso un atteggiamento secondo cui le ragazze sono inutili”, ha detto Judith. “Voleva che mi iscrivessi a una scuola inferiore, e non all’istituto in cui ero stata effettivamente ammessa. Eppure ha permesso a mio fratello di andare alla scuola che aveva scelto per sé”, ricorda. Judith ha detto che questo ha provocato un duro scontro tra lei e suo padre, e sua madre si è schierata dalla parte della figlia: “una battaglia che alla fine ho vinto, ma a caro prezzo, perché ciò ha intaccato il rapporto con mio padre”.

Quando si è iscritta alla scuola secondaria di sua scelta, le aspettative erano davvero cresciute a dismisura. Non ci si aspettava altro che l’eccellenza. “Papà voleva che fossi tra i migliori della classe”, ha detto Judith. “Quindi ogni volta che tornavo a casa, iniziavano i litigi con lui, e questo mi ha scoraggiata davvero tanto”. L’autostima di Judith è stata gravemente danneggiata dall’atteggiamento di suo padre. È diventata una ragazza triste a scuola, sempre preoccupata per i voti e i giudizi, anche se le sue prestazioni risultavano nella media. A lungo andare la sua carriera scolastica si stava lentamente deteriorando, mentre la pressione del padre continuava a crescere. Al terzo anno, non ce l’ha più fatta e si è rifugiata a casa dello zio materno. Dopo aver spiegato il suo problema allo zio, anche lui insegnante, l’ha accolta calorosamente e si è rivelato l’esatto opposto del padre. Grazie alla serenità ritrovata, in un solo trimestre Judith ha migliorato il suo rendimento scolastico, tanto che lo zio è rimasto impressionato e questo le ha sollevato ancora di più il morale. “Ha iniziato a farmi delle promesse”, ha detto Judith. “Gli orologi erano un lusso per alcuni di noi, ma lui mi ha detto che se fossi arrivata tra i primi dieci della mia classe, me ne avrebbe regato uno. Mi sono classificata ottava e in effetti lui mi ha comprato l’orologio!”. L’amore e la cura che lo zio le ha dato hanno cambiato la sua sorte. È stato quando ha superato anche il penultimo anno delle superiori che suo padre si è reso conto del suo errore, si è offerto di riportarla a casa, ma suo zio ha rifiutato, dicendo che prima doveva finire il suo lavoro. Judith ha anche superato molto bene il liceo. Suo padre le ha poi pagato la retta dell’Università.

Ora madre di due bambini, Judith ha detto che destreggiarsi tra carriera, maternità e il ruolo di moglie non è facile, ma gestibile soprattutto quando il coniuge è di supporto. Attualmente lavora a Koboko dal lunedì al venerdì e trascorre i fine settimana con la sua famiglia ad Arua. La sua più grande sfida è stata portare a termine il suo master perché si trattava di un corso organizzato nel fine settimana. “In realtà mi sono isolata da casa per riuscire a concentrarmi meglio. Ma quello che mi ha aiutato è stato il supporto di mio marito. Non era risentito, non litigavamo, in realtà mi ha incoraggiato a completare in modo che potessi arrivare fino in fondo”, ha aggiunto.

Judith auspica che tutte le giovani donne possano prendere sul serio l’istruzione. E per lei, la festa della donna non è solo un giorno per prendersi una pausa dalle faccende quotidiane, ma piuttosto un momento per riflettere su quanto siano andate avanti nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Dal rifiuto al rispetto

Jaguru Jenifer, 33 anni e rifugiata sud-sudanese che ora vive a Koboko, può essere definita una “donna di ferro”. Una donna determinata a cambiare la sua identità e le sue sorti.

Jaguru era considerata spazzatura sin dalla nascita, anche grazie al suo nome Koronyo, che in Kakwa significa spazzatura. Sua madre la chiamava Koronyo, perché aveva perso 5 figli e le tre sopravvissute erano femmine. Quindi, secondo sua madre e la società, era uno scarto! Proprio come il ferro passa attraverso il fuoco per essere raffinato, Jaguru ha attraversato l’inferno per plasmarsi. È nata tre mesi dopo la morte di suo padre. E suo padre, che era solo un contadino, li ha lasciati senza niente: niente denaro, nessuna proprietà e nessun nome. L’unica cosa che restava a lei e alle sue sorelle era la forza della loro madre.

“La mia infanzia è stata dura, non avevamo praticamente nulla con cui sopravvivere. Mia madre ha dovuto lavorare molto duramente per farcela”, ha detto Jaguru. I suoi genitori non avevano un’istruzione e così anche le sue sorelle maggiori, ma lei voleva andare a scuola. “Mia madre vendeva il tè lungo la strada per permettermi di andare a scuola”, ha detto Jaguru. “Ha anche prodotto alcolici per raccogliere un po’ di denaro. Abbiamo lavorato nei campi della gente per una paga, abbiamo raccolto legna da ardere dalla boscaglia per venderla. Non c’è lavoro che non abbiamo fatto per sbarcare il lunario. Guardavo mia madre portare questo carico pesante e non volevo essere come lei. Così ho deciso di studiare qualunque cosa accadesse, per cambiare il mio futuro”, ha raccontato.

All’età di 17 anni, Jaguru rifiutò due corteggiatori, che arrivarono tramite i suoi parenti con proposte di matrimonio. E per aver preferito la scuola al matrimonio, era considerata posseduta da uno spirito malvagio. Sono state addirittura organizzate preghiere per la sua liberazione, che a quanto pare non hanno mai funzionato.

Jaguru aveva talento accademico e sportivo. Ha corso per la sua scuola e ciò le è valso una borsa di studio. “Non ho pagato la retta per due anni consecutivi grazie all’atletica”, ha detto. Anche grazie a questo suo talento, Jaguru ha concluso la scuola superiore. Sfortunatamente, la sua casa è stata bruciata e ha perso il diploma. Per ottenere una copia di quel certificato dall’UNEB (Uganda National Examinations Board), le sono stati chiesti 2 milioni di scellini ugandesi, cifra che sua madre non poteva permettersi. Ha nuovamente ripetuto l’ultimo anno, ottenendo un punteggio che le ha addirittura permesso di iscriversi all’università. Ha avuto la fortuna di ricevere una borsa di studio dal Good Neighbors Samaritan Fund, che l’ha sostenuta durante tutta l’università. Purtroppo, Jaguru ha perso a solo una settimana dalla laurea sua madre, la donna che considerava un modello che ha ispirato tutta la sua vita. “Questo è stato l’evento più doloroso della mia vita”, ammette. “È morta senza saggiare i frutti del suo sudore”. Ma Jaguru dice che sua madre l’ha lasciata con parole forti, ricordandole di considerare tutte le madri single come sue madri e sostenere orfani e vedove. Questa è la sua eredità.

Attualmente Jaguru è direttrice dell’Harmony Nursery and primary school di Koboko, ed anche responsabile del programma per la SSURA (Associazione dei rifugiati del Sud Sudan) a Koboko, che implementa il progetto EUTF insieme al comune di Koboko. E sebbene sia ancora conosciuta dai suoi parenti come Koronyo, Jaguru non è più considerata spazzatura. Dice che ora è considerata come un vero e proprio modello, avendo trasformato la sua vita contro ogni previsione in una carriera di successo. “Ora sono vista come un punto di riferimento” ha ammesso in una risata. “Mi rispettano e ogni volta che le ragazze sbagliano, mi chiamano per consigliarle. Rendo anche testimonianze in chiesa per incoraggiare in modo particolare i giovani”, ha aggiunto.

Secondo Jenifer non bisogna permettere alla vulnerabilità, alla mancanza, né tanto meno al nostro passato di definirci, ma piuttosto dovremmo servirci di tutte le nostre debolezze come punto di partenza per progettare il nostro futuro.

Voglia di parlare

Voleva solo parlare. Stava cercando uno spazio per parlare perché stava soffocando. Stava soffocando nel suo matrimonio, la sua educazione stava andando in pezzi, le sue ambizioni erano a rischio e il suo futuro cupo. Aveva perso la speranza e con essa anche la voglia di vivere.

Hajjat ​​Medina Naham Ojale, la segretaria per le finanze e l’amministrazione del partito National Resistance Movement (NRM), è ora una giovane donna potente, ma nessuno avrebbe immaginato il viaggio che ha percorso. A soli 31 anni, supervisiona le finanze e le operazioni del Partito NRM, l’attuale partito al governo in Uganda. È intelligente e gode dell’attenzione e della fiducia del presidente dell’Uganda, Yoweri Kaguta Museveni, uno dei più longevi dell’Africa.

Ma Medina ha detto che, all’inizio, non era tagliata per tutto questo, non aveva alcun desiderio di politica, voleva fare l’insegnante. Stava infatti per diventare una docente universitaria, ma il destino l’ha portata da un’altra parte. Medina si è sposata poco dopo aver completato la sua prima laurea. Ha poi lavorato come funzionaria all’agricoltura nella sotto-contea di Lobule, nel distretto di Koboko. Aveva imparato ad amare il suo lavoro, anche se inizialmente non aveva alcun interesse in questo campo, in cui aveva ripiegato non essendo riuscita a fare medicina come sognava. A lungo andare, il suo lavoro con i contadini ha cambiato il suo modo di vedere le cose; Medina sostiene che sia stato proprio questo impiego, che ha fatto germogliare in lei il desiderio di insegnare. “Ho iniziato a sviluppare una passione per l’insegnamento, perché sentivo che se potevo farlo con gli agricoltori, allora potevo anche insegnare nelle scuole”, ha detto. Fortunatamente per lei, quando ha concluso il suo primo progetto, ha immediatamente ottenuto una borsa di studio per conseguire un master in agraria presso la Makerere University. L’Università le ha inoltre dato l’opportunità di insegnare nell’ateneo.

Mentre le cose stavano andando per il meglio a livello professionale, era anche cominciato un altro capitolo del suo matrimonio. Aveva già un figlio, poi un altro bambino è arrivato lungo la strada. “Quindi dovevo essere una madre e una moglie perfetta ma allo stesso tempo dovevo eccellere nello studio”, ricorda Medina. “A quel punto andavo di nuovo a scuola, dovevo prendermi cura di un marito e soprattutto dovevo prendermi cura dei bambini”. Questa situazione ha iniziato ad appesantire Medina. Sostiene che il carico sarebbe stato gestibile se avesse avuto il sostegno di suo marito, ma invece, a quanto pare, è diventato insicuro e ciò ha peggiorato le cose. “Alcuni dei suoi parenti insistevano chiedendogli perché permetti a questa donna di studiare, sostenevano che se una donna studia, ti calpesterà la testa”, ha ricordato con rammarico. “Quindi penso che anche lui si sia sentito sfidato”. Anche quando la situazione nella sua casa si era fatta insopportabile, ci si aspettava che si comportasse ancora come la moglie perfetta e riuscisse a rimanesse calma. “Mia madre mi diceva sempre che ogni volta che si affrontano delle sfide, non bisogna pensare di essere l’unico ad affrontarle, perché altre persone potrebbero trovarsi in situazioni addirittura peggiori, quindi dovevo riuscire a gestire tutto. In più, anche la mia religione definisce la donna per certi versi subordinata all’uomo, quindi c’erano momenti in cui volevo davvero alzare la voce, ma non potevo”, ha aggiunto. Medina ha detto che l’unica opzione per lei era apparire forte, anche quando stava crollando dentro. “Ogni volta che le mie sorelle hanno avuto problemi, ero lì per fornire la soluzione quando in realtà, nel profondo di me, c’erano problemi di cui volevo liberarmi ma non potevo”, si è lamentata.

Ma la pressione interna per parlare continuava a crescere. “Ho sviluppato il bisogno di raccontare cose ma non sapevo dove e a chi rivolgermi. Nella nostra società, è come se l’uomo avesse sempre ragione, e la donna deve stare tranquilla, perché mantenere la calma è un segno di rispetto qualunque cosa stia attraversando. Quindi mi sono chiesta, dove posso aprirmi?”. Poi, improvvisamente, la risposta: ha ricordato le donne leader di spicco che sua madre ascoltava alla radio quando era bambina. “Sentivo che quella era la piattaforma che poteva permettermi di condividere la mia storia. Pensavo che entrare in politica mi avrebbe offerto l’opportunità di parlare, anche se avrei parlato in termini generali, almeno avrei potuto parlare con qualcuno che sta attraversando lo stesso”, ha spiegato Medina.

Ciò ha segnato l’ennesima svolta nella carriera di Hajjat ​​Medina. Nel 2015 si è candidata per diventare presidente di distretto del  NRM e ha vinto. Mentre rappresentava il distretto, Medina ha attirato l’attenzione del presidente per la sua eloquenza e compostezza. Nel 2021, quando si è trasferita per contendersi un seggio parlamentare, sfidando gli uomini per la carica, il suo brutto passato si è manifestato per perseguitarla di nuovo, strumentalizzato dai suoi oppositori politici per distruggerla. “Mi sono presto resa conto che, anche se ho una piattaforma politica per parlare, non posso dire quello che voglio dire liberamente poiché vivo ancora nella stessa società che mi ha plasmato”. Fortunatamente, il presidente durante il periodo della campagna elettorale l’ha nominata nella sua posizione attuale. Medina ha detto che si sente molto meglio perché non è più in una posizione di vulnerabilità, ma ha sempre a disposizione una piattaforma per parlare. In qualche modo è riuscita a recuperare l’autostima che era stata danneggiata in passato.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.