TESTIMONIANZA DAL PROGETTO WATER FOR LIFE WATER FOR PEACE – IL POZZO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI KULUBA

ACAV nell’ambito del progetto “Water is life, water for peace”, realizzato con il supporto dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese, sta contribuendo alla ristrutturazione di 15 pozzi nei distretti di Maracha e Koboko, nel West Nile ugandese. Tra questi vi è anche il pozzo della scuola primaria di Kuluba, nel distretto di Koboko.

 Questo pozzo è stato perforato dal governo locale nel 2015 ed ha funzionato fino all’inizio di quest’anno. Prima che fosse creato il pozzo, le persone raccoglievano l’acqua da una sorgente protetta ad 1 chilometro e mezzo dalla scuola. 

Secondo il preside della scuola Batali Stephen, quando il pozzo è stato perforato le persone hanno lasciato la sorgente che fino ad allora avevano utilizzato agli animali ad altri usi come il lavare gli indumenti. Tuttavia, quando il pozzo si è guastato le persone hanno ripreso ad andare alla sorgente, che però si era deteriorata a causa della mancanza di manutenzione. 

Batali afferma “Non avevamo altre opzioni se non quella di tornare alla fonte che avevamo abbandonato. Eravamo preoccupati perché la sorgente poteva essere contaminata e i bambini si sarebbero potuti ammalare. Ma ora ci sentiamo sicuri perché abbiamo l’acqua pulita che viene dal pozzo”.

Ayina Doreen, una studentessa di 14 anni della scuola primaria di Kuluba, afferma che ora può preparare un pranzo veloce quando sua madre non è a casa perchè ha la possibilità di reperire l’acqua vicino alla sua abitazione. “Io e i miei fratelli rimanevamo senza mangiare tutto il giorno perché la pausa scolastica per pranzare dura poco e non è possibile avere il tempo sia di andare a prendere l’acqua che di  cucinare. Quindi, per tutto il periodo in cui il pozzo non è stato funzionante, se nostra madre non era a casa durante la nostra pausa pranzo, rimanevamo senza mangiare per tutto il giorno

Ayina ha detto che a volte suo fratellino di 10 anni, che frequenta la quarta elementare, si rifiutava di tornare a scuola dopo la pausa pranzo perchè non riusciva a sopportare la fame. “Correva verso i cespugli per cercare del mango selvatico e altri frutti” dice Ayina riferendosi al fratello.

Secondo le statistiche del Dipartimento dell’educazione del distretto di Koboko, l’80% dei bambini abbandona prematuramente la scuola e tra le ragioni di questa elevata dispersione scolastica c’è anche l’assenza di cibo. Sempre secondo i dati, solo 14 bambini su 100 che si iscrivono alla primaria 100 completano il loro ciclo di studi.

Batali ha ringraziato ACAV per aver riparato il pozzo, che aiuterà a ridurre alcune delle cause dell’allarmante abbandono scolastico del distretto di Koboko. Ha poi aggiunto che c’è un altro pozzo guasto nel Villaggio di Nyaragala, “Ora i tre villaggi di Morimo, Luduri e Nyaragala dipendono tutti da questo pozzo. Ci appelliamo ad ACAV per aiutarci a ripararlo anche per ridurre la pressione che ora viene esercitata sul nostro.”

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.