Giornata internazionale della donna: due testimonianze da Rhino camp

Oggi, in occasione della giornata internazionale delle donne, portiamo due testimonianze di due donne rifugiate sud sudanesi che vivono a Rhino camp. Entrambe hanno partecipato al progetto AFRICARE, finanziato dalla Fondazione San Zeno, attraverso il quale hanno avuto l’opportunità di valorizzarsi professionalmente e raggiungere l’emancipazione personale ed economica. Il Progetto ha l’obiettivo di migliorare l’educazione di molti bambini, attraverso la costruzione di una scuola, l’assunzione e la formazione di insegnanti e di migliorare la formazione professionale non formale di molti giovani vulnerabili. 

Ajio Jesica è un’insegnate presso la scuola primaria di Amuru. È stata assunta nel 2017, anno in cui è stata costruita la scuola. Inizialmente le lezioni si svolgevano sotto alberi o nelle chiese, affrontando le molte sfide date dal tempo, dal sole e dalla pioggia. Con la costruzione della scuola il numero dei suoi studenti è aumentato in maniera spropositata. Gli insegnati, come lei, hanno ricevuto un grande supporto attraverso la fornitura di libri di testo e consigli didattici. Sono state fornite anche delle biciclette e degli zaini per poter andare ad aiutare gli alunni nell’apprendimento a casa, durante l’epidemia di Covid-19. 

“Sono una madre single di 4 figli e grazie ai donatori e ad ACAV, ho un lavoro stabile che mi permette di crescere con serenità i miei bambini. Ricevo lo stipendio in modo regolare e questo mi ha portato a  poter educare i miei figli e a poter crescere personalmente.
La mia preghiera è che i donatori continuino a supportare questa scuola per un futuro migliore per tutti noi.”
 

Susan Dure è una giovane ragazza che dopo aver perso il padre in Sud Sudan è dovuta scappare in Uganda, presso Rhino camp. Qui non aveva parenti né conoscenti e la vita per lei non era per niente facile. Dopo aver sentito dell’opportunità di un corso di formazione professionale, organizzato all’interno del progetto Africare, ha deciso di provare ad iscriversi. È stata presa nel programma ed ha seguito una formazione nell’ambito della sartoria e del taglio dei tessuti. Al termine del corso professionalizzante ha ricevuto da ACAV una macchina da cucire e ha iniziato subito a svolgere il suo nuovo lavoro. Ora ha aperto la sua attività grazie alla quale riesce a mantenersi da sola e a risparmiare un po’ di soldi per potersi iscrivere in futuro ad un corso di fashion design. 

“Sono molto grata di aver avuto quest’opportunità che mi ha cambiato la vita.”

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.